mercoledì 30 marzo 2011

Domenica 3 aprile alle isole pontine!!!!!


Buondì a tutti! Domenica prossima 3 aprile stiamo organizzando uno o più gommoni per una battuta di pesca alle isole pontine, si prega di dare adesione entro venerdi sera in piscina.

Fabrizio è il riferimento per l'organizzazione del safari.

Chi ci onorerà della sua presenza, dovrà essere autosufficiente o accordarsi con gli altri per la colazione al sacco (sono bandite: tagliatelle,lasagne,pollo, vino rosso e altre leccornie non in linea con la giornata di sport please!)Chi non ha mai effettuato una traversata di questo tipo deve necessariamente portare con se: Attrezzatura completa da sub con uno o due fucili,tuta da ginnastica, cerata antivento o pantalone da moto antivento( se uscite domani all'alba li potrete fregare agli sapazzini -pardon- Operatori ecologici..)Occhiali da sole e berretto di lana, non dimenticate l'accappatoio, dopo una giornata in acqua serve per asciugarsi a dovere prima di rientrare...Io purtroppo non ci sarò, ma Albino e Ferruccio saranno degni sostituti.

ps: La spesa della benzina sarà divisa equamente e, mi raccomando ai fucili! Usate il parapunte perchè i gommoni SI BUCANO!!!!!E chi rompe paga.

Ci vediamo Venerdi in acqua,buona giornata a tutti:Sandro.

venerdì 25 marzo 2011

..Ieri sera grande partita di hokey! Certo ..Gli "altri" hanno perso LA partita ma con.. Onore! Le squadre composte da: A) Sandro,Daniele,Alberto,Danielone contro B)Ferruccio,Luca,Fabrizio,Andrea, se le sono date di santa ragione a colpi di mazzetta da hokey appunto, ( A PROPOSITO, MI MANCA UN PEZZO DI CARNE ALLA MANO, NESSUNO SA NULLA?)il risultato 4-2 ha premiato la squadra A la quale proprio per la differenza di classe,potrenza ed efficacia, si è rifiutata di dividere lo spogliatoio con la squadra B!...
Scherzo! Bella partita comunque, sempre e in ogni caso condita da simpatia e amicizia...
Domani vado a pesca , appuntamento alle 9 a fosso mascarello, ho 5 posti disponibili......
dovremmo essere: Io, Daniele 1 e Daniele 2,Moreno,Max,Andrea e Luca ma..Siamo Sette!! Chiederemo ancora una volta un sacrificio al mio fido destriero.......Oppure, l'ultimo che arriva non paga da bere ma.. Viene a nuoto!!
FATEME SAPE'!!!!!

martedì 22 marzo 2011

ISTRUZIONI PER ISCRIVERSI AL BLOG


Ciao a tutti, posto le istruzioni per poter effettuare con facilità l'iscrizione al nostro fortunato blog

1) Apri il sito
2) A sinistra dove sono le foto degli altri amici iscritti vi è una voce"SEGUI" Cliccala
3) Clicca ora su "Crea un nuovo account
4) indirizzo mail e cosi' via. Noi tutti seguiamo con account google ma ce ne sono altri disponibili
ps: non dimenticate di mettere la foto mi raccomando! Sarà visibile a tutti e permetterà di interagire, comunicare e inviare messaggi tra tutti noi, inoltre la possibilità di commentare i "Post" o proporre vostri articoli,esperienze,foto di pesca.

PIU' SIAMO, MEGLIO E'!!!!!!

venerdì 18 marzo 2011

Eccola quà la reginetta dell'indovinello

Ricetta.
Puliamo il pesce e tagliamolo a trancie.
Accendiamo della carbonella nella teglia più grande che abbiamo a disposizione in casa.
Sulla teglia poggiamo la graticola che normalmente esiste in ogni forno e sulla graticola adagiamo qualche succulenta trancia.
Posizioniamo il tutto sul pavimanto della cucina ed iniziamo la cottura.
Con l'ausilio di una paletta per la spazzatura teniamo ben viva la carbonella.
Spalanchiamo le finestre per arieggare la casa e non restare vittime di una intossicazione.
A cottura ultimata togliamo il pesce dal fuoco e poniamolo in una terrina dalla quale mangeremo senza posate.
A fine serata non dimentichiamo di spazzare tutta la casa dalla fuliggine depositatasi su ogni superficie orizzontale esistente.
Buon divertimento.

...BELLO! DA PROVARE......CHI VIENE?

video

venerdì 4 marzo 2011

" Se volete vedere tutto il sito"

ATTENZIONE,ATTENZIONE, IL BLOG SI SVILUPPA IN VERTICALE E LE PAGINE, PER ESSERE VISTE TUTTE VANNO "SFOGLIATE" CLICCANDO A PIE' PAGINA SULLA PICCOLA VOCE "post più vecchi"

mercoledì 2 marzo 2011

Passione pescasub: terapia per la riabilitazione.

Voglio raccontare di due catture dal significato particolare.
Due pesci speciali, perché hanno segnato entrambi un traguardo ed un trampolino di lancio.
Mentre le stagioni passano, il ricordo di queste due catture resta indelebile.

La storia inizia in un’assolata mattina di luglio, quando con la moto decido di piantarmi dietro un luccicante furgoncino bianco.
La corsa in ambulanza, la consapevolezza crescente del danno, gli ultimi sfuocati pensieri prima di andare sotto i ferri: cambierà la mia vita, tornerò a camminare…a nuotare?
Seguono giorni, settimane, mesi di sofferenza, attorniato da camici bianchi.
Gli sguardi preoccupati di familiari, amici e colleghi.
La lunga riabilitazione, fatta di monotone sedute di terapia, noiosi e ripetitivi esercizi, interminabili ore impiegate a sgambettare sul letto, sul tappeto, in piscina.
Pian piano via dal letto, via la sedia a rotelle, via le stampelle.
Il tempo passa e finalmente arriva l’estate.
Arriva la ricciola.


Tutte le tribolazioni sofferte passano nel dimenticatoio.
Quello che si prova lo capiscono in pochi, fortunatamente.

Ad autunno inoltrato una complicazione mi costringe a riprendere le stampelle ed iniziare una lunga e debilitante terapia.
Il morale a pezzi, ma solo per poco.
La famiglia è vicina, l’estate è prossima e il meccanismo si riattiva.
C’è un motivo in più per risalire la china.
Arriva il denticiotto.
Non una preda imponente, ma è la cattura che sancisce la definitiva guarigione.

Passione pescasub.
Ti priva del sonno, ti tiene lontano dalla famiglia, è causa di raffreddore, sinusite, remautismi.
Ma la passione genera stimoli, motivazione, un vero incentivo nel processo di riabilitazione.

martedì 1 marzo 2011

IN ACQUA MA SENZA MEDICINE!

Tanto tempo fa, prima di una gara di pesca subacquea,un mio amico e antagonista lamentava un forte mal di testa. Un suo compagno di squadra gli consigliò di prendere una "bustina" di quelle tipo "Aulin" o "Mesulid", Egli ne prese e si sentì molto meglio tanto da vincere la gara. Durante la premiazione però, lo vedevo assente, "strano" per così dire, gli chiesi cosa avesse e confermò la mia impressione, non si sentiva per niente bene. La medicina che aveva ingerito prima della gara (a livello del mare dove la pressione è pari a una atmosfera) aveva avuto sul suo organismo e in profondità, effetti ben diversi. Infatti, la pressione idrostatica presente sotto il mare( 1 atm ogni 10 metri) amplifica in maniera smisurata gli effetti di alcune sostanze ingerite.
Quando andiamo in mare, cerchiamo di stare attenti, niente antibiotici, niente antipiretici, niente antiinfiammatori. A me capita di uscire in mare e avere il naso chiuso da un leggero raffreddore, rimedio sempre cosi: Riempio il palmo della mano di acqua di mare, e con il naso la ispiro in maniera da eseguire un "lavaggio" naturale dei seni paranasali con conseguente corroborazione dei turbinati del retrobocca.Credete a me, Funziona!....